Cosa vuol dire “internet delle cose”? Gli oggetti quotidiani intorno a noi sono sempre più connessi, ma sappiamo davvero cosa significa?

Scopri l’Internet of Things in questo episodio di "What a Digital World", la web serie di Registro .it dedicata alle sfide del mondo digitale che cambiano la società in cui viviamo.

In ogni video affrontiamo un tema complesso che coinvolge imprese, professionisti e cittadini, con l’obiettivo di spiegarlo in modo semplice, sintetico e anche divertente.

📺 EPISODIO 6: INTERNET OF THINGS (IoT)

Il primo esempio di “internet delle cose” risale agli inizi degli anni 80: collegandosi alla rete ARPANET della sua Università (rete sulla quale verrà sviluppato il World Wide Web) lo studente David Nichols riesce a monitorare a distanza un distributore di bevande all’interno dell’Istituto. 
È il primo passo verso un mondo fatto di dispositivi capaci di dialogare costantemente tra loro.

Ormai quando parliamo di internet non intendiamo solo siti web o piattaforme di streaming, ci riferiamo a una complessa rete di dispositivi: sempre più oggetti quotidiani ed elettrodomestici sono connessi tra loro e con noi. La domotica è entrata nelle nostre case, intere produzioni industriali sono automatizzate e controllate da remoto. 

Si stima che nel giro di pochi anni, nel 2025, nel mondo ci saranno più di 21 miliardi di dispositivi connessi in questo “Internet delle cose”. È quindi molto importante ragionare sulle sue implicazioni e su quali standard di sicurezza dovranno essere raggiunti prima di poter commercializzare prodotti con queste caratteristiche.

Ad oggi infatti non tutti gli oggetti connessi adottano gli stessi elevati protocolli di sicurezza di computer o smartphone. Questo potrebbe generare falle nei sistemi, aprendo la strada ad attacchi informatici di vario tipo. 

Come ogni innovazione tecnologica, l’Internet of Things rappresenta una straordinaria opportunità per allargare i nostri orizzonti futuri. Ma per godere davvero di tutti i suoi vantaggi, non possiamo sottovalutarne rischi e pericoli.

digitali per crescere, digitali per competere

Tags:
what a digital world

Vedi altri What a digital World